Rassegna stampa

16-08-2018 17:05

RELAZIONE FINALE
PROGETTO SOCIO-CULTURALE

“L’infanzia è il suolo sul quale andremo a camminare per tutta la vita.” Lya Luft

Il neonato come rappresentazione dell’essenza e della poesia della vita da proteggere, rispettare ed amare. È questo il fulcro della mostra Profumo di vita #neldirittodelbambino, che dal 20 novembre 2017 al 28 gennaio 2018 ha preso forma negli spazi espositivi della Sala delle Colonne del Castello del Valentino e di Palazzo Barolo, con gli scatti realizzati dalla fotografa torinese Elena Givone.
Il progetto artistico-sociale Profumo di vita, ideato dall’Associazione Legal@rte nasce per creare un momento di riflessione e approfondimento sul fenomeno sommerso della “violenza assistita” da minori al fine di conoscere le conseguenze che si riscontrano nei bambini che ne sono inermi spettatori.
Un problema sociale che deve investire tutti tenuto conto che i minori che hanno subìto questo tipo di violenza sono mediamente più esposti degli altri a sintomatologie post-traumatiche e problemi relazionali e soprattutto, una volta diventati adulti, rischiano di perpetuare la violenza, agendola o subendola.
Un argomento purtroppo sempre attuale: secondo il Primo rapporto mondiale su violenza e salute emesso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), infatti, il 90% delle aggressioni subite dalle donne si verificano in presenza dei figli.
Per affrontare il tema, Elena Givone ha scelto la fotografia “Newborn”, opere fotografiche realizzate nei primissimi giorni di vita del bambino per poter cogliere al meglio un momento magico ed irripetibile: il sonno profondo dei neonati e le classiche pose fetali.
Partendo dalle immagini dell’infanzia, la mostra, a cura di Roberta Di Chiara, si propone di guidare il visitatore all’interno di uno speciale percorso multisensoriale “empatico”. All’allestimento di forma circolare, ideato per rievocare l’immagine del grembo materno, si affiancano le note musicali del musicista Stefano Cannone e l’abbraccio delle note della fragranza realizzata da Diletta Tonatto della Maison torinese.
In contrapposizione all’idea di cura e protezione dell’istallazione, un video interpretato dall’attrice Elena Ruzza, tratto da un racconto scritto della psicoterapeuta Katia Ferraguzzi, Assistente Capo della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Torino, pone il visitatore di fronte ad una realtà spesso invisibile dei minori vittime di violenza assistita.

Le immagini esposte sono diventate le protagoniste di un calendario destinato a raccogliere fondi per il supporto psicoterapeutico dei minori vittime di violenza, spesso non fornito dal servizio pubblico, in collaborazione con l’Associazione torinese Familiarmente.
Le fotografie sono state realizzate presso l’ospedale Sant’Anna nel Reparto Universitario di Ostetricia diretto dalla Prof.ssa Chiara Benedetto e nel Reparto Universitario di Neonatologia diretto dal Prof. Enrico Bertino, con il supporto della Fondazione Medicina a Misura di Donna.

LE SEDI
SALA COLONNE – CASTELLO DEL VALENTINO dal 20 al 27 novembre 2017
PALAZZO BAROLO dal 12 dicembre 2017 al 28 gennaio 2018


PATROCINI
Polizia di Stato, Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte – Comitato regionale per i Diritti Umani, Città di Torino, Politecnico di Torino, Città della Salute e della Scienza di Torino,
FIMP – Federazione Italiana Medici Pediatri e CUS Torino


PARTNERS
VOL.TO – Fondazione Medicina a Misura di Donna - Ass. Terra Terra - ALSIL Onlus


VISITATORI
La manifestazione ha visto la presenza di circa 5000 visitatori, principalmente della fascia d’età tra i 30 e i 50 anni.

LE ATTIVITA’

OPENING 20 novembre 2017
SALONE D’ONORE CASTELLO DEL VALENTINO

La presentazione della mostra è avvenuta nel prestigioso Salone d’Onore del Castello del Valentino alla presenza di oltre 250 ospiti ed ha visto gli interventi di autorità ed attori del progetto :
Anna Maria BALDELLI, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni del Piemonte e Valle d’Aosta
Silvia BURDESE, Dirigente Superiore della Polizia di Stato, in rappresentanza del Questore di Torino
Mauro LAUS Presidente Consiglio Regionale Piemonte
Chiara BENEDETTO - Direttore Dipartimento Ostetricia e Ginecologia Ospedale Sant'Anna
Stefania RIVOIRA - Psicoterapeuta e Presidente dell’associazione Familiarmente
Elena GIVONE - fotografa progetto Profumo di vita #neldirittodelbambino
Silvio MAGLIANO, Presidente Vol.to – volontari Torino
Diletta TONATTO – Maison Tonatto Profumi
Roberta Di CHIARA, Presidente Legal@rte

Camminata informativa CORRIMA’
Parco del Valentino 26 novembre 2017
In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne (25 novembre), domenica 26 novembre 2017 il Parco del Valentino di Torino ha ospitato la CorriMa’, una camminata veloce non agonistica di 4 km che ha visto la presenza di circa 300 persone.
CorriMa’ è un appuntamento aperto a tutti, in particolare alle mamme in attesa, alle mamme con passeggini e ai gruppi familiari, una domenica di sport all’aria aperta per creare un momento di riflessione sul tema della violenza assistita da minor in famiglia.
La manifestazione, in rete con la corsa Just the woman I am, supportata dal CUS Torino, ha potuto contare su una testimonial d’eccezione, l’attrice Michela Andreozzi ed ha visto la presenza del Camper della Polizia di Stato per la campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere, per favorire l'emersione del fenomeno, agevolando un contatto con le vittime.



Seminario IL SILENZIO DEL DOLORE
Sala Consiliare Consiglio regionale del Piemonte 27 novembre 2017
Seminario di approfondimento interdisciplinare sul tema della violenza assistita in famiglia da minori, riconosciuto aggiornamento professionale per personale della Polizia di Stato.
Interventi di:
-Dr. Giampiero Leo – V. Presidente Comitato regionale per i diritti umani - Consiglio regionale del Piemonte
-Prof. Enrico BERTINO - Direttore Neonatologia Università Città della Salute e della Scienza di Torino
-Dr.ssa Stefania RIVOIRA - Psicoterapeuta e Presidente dell’associazione Familiarmente
-Dr.ssa Anna Maria BALDELLI - Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni delPiemonte e Valle d’Aosta
-Vice Questore Aggiunto Francesca Romana CAPALDO - Servizio Centrale Operativo - Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato
- Dr.ssa Elena GIVONE - fotografa progetto Profumo di vita #neldirittodelbambino
- Assessora Monica CERUTTI – Pari opportunità Regione Piemonte



Reading apertura Palazzo Barolo
“E POI SARÀ AMORE - IL DIARIO DI UN PAPÀ IN ATTESA”
Palazzo Barolo 13 dicembre 2017
Dopo la prima esposizione nella Sala delle Colonne del Valentino, l’istallazione trova cornice ideale nelle sale di Palazzo Barolo, nello spirito dell’Opera Barolo, che vede nella crescita culturale un modello di arricchimento personale e di sviluppo. L’intuizione centrale, modernissima, dei Marchesi di Barolo è stata creare un legame tra assistenza, educazione e cultura.
Dopo una prima presentazione ufficiale del 12 dicembre 2017 in seno all’incontro organizzato dall’Opera di Barolo per lo scambio degli auguri con le Istituzioni della città di Torino, l’apertura al pubblico della mostra è avvenuta mercoledì 13 dicembre ed ha ospitato le parole e i sentimenti maschili sulla gravidanza di Stefano Di Polito, tratte dal libro “E poi sarà amore - Il diario di un papà in attesa”, attraverso un reading con la partecipazione dell’autore, Luisa Piarulli, già presidente dell’Associazione Nazionale dei Pedagogisti (ANPE) e di Maria Crisetti, ostetrica ed esperta di genitorialità, per sensibilizzare sull’importanza della preparazione alla paternità come forma di prevenzione delle violenze in famiglia.

FINISSAGE
L’AMORE CHE NON È…L’AMORE CHE È”

Palazzo Barolo 28 gennaio 2018
L’evento finissage di domenica 28 gennaio, che ha visto la sala gremita da 200 opersone (limite massimo previsto dalla sala) è stato dedicato al tema della violenza di genere attraverso uno “spettacolo” che si trova a metà strada fra l’orazione civile e il Teatro Canzone: “L’amore che non è…l’Amore che è”.
Il progetto nasce dall’incontro fra il poliziotto-scrittore Gianpaolo Trevisi, autore del libro “L’amore che non è” ed il duo acustico Macramè – Tributo Ufficiale a Roberto Vecchioni per la comune necessità di voler mantenere alta l’attenzione sulla violenza di genere, parlando in modo trasversale a uomini e donne con il desiderio di mantenere accesa la speranza in un possibile futuro migliore.
La sensibilizzazione e l’educazione su un argomento di così forte attualità possono e devono passare in maniera efficace anche da un palcoscenico, ed ha visto altresì l’intervento della poetessa Felicità Chiambretti e dell’attrice Elena Ruzza.
Gianpaolo Trevisi, poliziotto-scrittore, con il suo nuovo libro ”L’amore che non è” affronta la tematica della violenza di genere, narrando esperienze tragiche e a volte fatali, esistenze interrotte o sfregiate e lo fa con la voce e gli occhi delle donne. L’autore, in qualità di funzionario di polizia, spesso ha avuto modo di vedere da vicino queste storie e le racconta con grande empatia, dimostrando una profonda conoscenza delle dinamiche psicologiche maschili e femminili.

Pieghevole esterno esposizione Castello Valentino



Pieghevole interno esposizione Castello Valentino




MATERIALI DI DIVULGAZIONE PRODOTTI
NR 1600 CALENDARI
nr 2 STRISCIONI Mt 1 x3
nr 2500 PIEGHEVOLI A4
nr 2500 CARTOLINE 10X15
nr 1000 VOLANTINI A4 F/R
nr 50 LOCANDINE A3
nr 20 MANIFESTI 50X70
nr 20 MANIFESTI 70X100
nr 1 ROLL UP
nr 2 TOTEM

more: RELAZIONE_FINALE.pdf (0.93 MB) RASSEGNA_STAMPA__1_.zip (0.88 MB)

loading